Home Page
Casa editrice
Novità
Catalogo
Autori
Collane e Generi
Appuntamenti
Trailer
Foreign Rights
Contatti


newsletter

 



  Vai al sito www.illibraio.it   
  BREVE STORIA DEL LIBRO (A MODO MIO)
Andrea Kerbaker
Saggistica
Pagine: 272
Prezzo: € 16.80
In libreria dal: 13 Marzo 2014
Libro  disponibile

   
 
 IL LIBRO  
C’è George Bernard Shaw che rimprovera Alfred Nobel: «Si può perdonargli l’invenzione della dinamite, ma soltanto un diavolo travestito da uomo avrebbe potuto inventarsi il premio Nobel». Oppure Beckett, che a ritirare il riconoscimento proprio non ci va; c’è Gutenberg che inventa la stampa a caratteri mobili e poi fallisce miseramente, dimenticato da tutti; ci sono i reading di poesia degli antichi romani, per un pubblico distratto come e quanto quello dei nostri contemporanei; ci sono i censori del Seicento che tagliano e tagliano, e poi tagliano ancora; o un poeta inglese contemporaneo che trova nella spazzatura il libro con la dedica fatta a mamma e papà. Ci sono i rotoli di pergamena che a Roma si chiamano volumina. Ci sono Petrarca e John Milton, Cervantes ed Erasmo da Rotterdam; c’è Albert Camus che muore in macchina con il suo editore; c’è Voltaire che scrive libelli tra un arresto e l’altro e c’è la pagina più erotica del Padrino. Ci sono libri fondamentali che vendono qualche decina di copie, successi commerciali di scarsissimo valore, e librai attenti alla qualità con le mani nei capelli. C’è Quasimodo che litiga con Montale, che se la prende con Ungaretti, «la iena egiziana». Ci sono gli olandesi che danno rifugio ai censurati, nel Seicento e durante il nazismo. C’è Molière che scrive lettere dedicatorie imbarazzanti; ma anche Shakespeare e Machiavelli in fondo non scherzano.
C’è, insomma, il mondo, in una ricostruzione di una vicenda millenaria che non vanta alcuna pretesa accademica, tutt’altro: «una cosa leggera e ironica», in cui la storia si intreccia ai viaggi e agli incontri dell’autore, a divagazioni illuminanti e aneddoti gustosi. «Nulla di erudito e noioso» sottolinea Andrea Kerbaker, autore appassionato. Un libro, a sua volta, un libro sui libri, ma da una prospettiva personale e per questo estremamente vitale e inaspettata. «A modo mio», insomma.
 
 
 UN BRANO  
"Per arrivare alla forma del libro come lo intendiamo noi ci vogliono parecchi secoli, e molte tappe. Occorre anzitutto passare attraverso l’invenzione dell’alfabeto. Come ci insegnano a scuola, si tratta di una trovata dei fenici; a leggerla così, abituati come siamo, rischia di parere una cosa tutto sommato naturale; invece, a ben pensarci, è un’intuizione decisamente geniale: passare dagli infiniti ideogrammi a una serie limitata di segni che, composti diversamente, possano riassumere tutta la realtà, è un’idea di straordinaria novità. E mi piace immaginare il primo ideatore guardato magari con compassione da tutti gli altri, che ritenevano comodissimo il sistema degli ideogrammi e non vedevano perché mettersi a studiare, con enorme fatica, una modalità alternativa."  
 
  L'AUTORE  
Andrea Kerbaker