Home Page
Casa editrice
Novità
Catalogo
Autori
Collane e Generi
Appuntamenti
Trailer
Foreign Rights
Contatti


newsletter

 



  Vai al sito www.illibraio.it   
  IL LIBRO NERO DELL'AGRICOLTURA
Davide Ciccarese
Saggistica
Collana: Inchieste
Pagine: 204
Prezzo: € 14.00
In libreria dal: 24 Maggio 2012
Libro  disponibile

   
 
 IL LIBRO  
Oggi l’agricoltura si è trasformata in un processo produttivo senza precedenti, una catena di montaggio slegata dall’ambiente che la circonda. Ortaggi fuori stagione percorrono migliaia di chilometri prima di arrivare sulle nostre tavole, sementi ibride e OGM si diffondono a danno delle varietà locali, i terreni sono esausti e le falde acquifere sono sempre più contaminate da concimi chimici e pesticidi, veleni che finiscono nei nostri piatti. Anche gli allevamenti si sono trasformati in fabbriche, in cui gli animali vivono ammassati. Il sogno di sconfiggere la fame nel mondo grazie all’agricoltura intensiva si è infranto contro la diffusione di malattie come il morbo della mucca pazza o l’influenza aviaria ed eventi come la progressiva scomparsa delle api rischiano di avere effetti catastrofici sull’equilibrio del pianeta.
La minaccia è globale: l’agricoltura deve essere ripensata per soddisfare i bisogni di una popolazione mondiale in costante crescita e diventare allo stesso tempo uno strumento di riscatto sociale ed economico, nel rispetto dell’ambiente. Ci sarà bisogno di nuove parole dal sapore antico: prossimità, stagionalità, sovranità e sicurezza alimentari. Ma, soprattutto, l’uomo dovrà imparare a comportarsi da ospite e custode del pianeta.
 
 
 UN BRANO  
"L’agricoltura rappresenta un patrimonio, la fonte della vita e del cibo. Ma negli ultimi decenni l’uomo ha cambiato le regole del gioco. Oggi l’allevamento viene condotto senza un legame con la terra e con l’ambiente circostante, in enormi capannon di cemento che sembrano grandi fabbriche, quasi del tutto isolati. Il mangime percorre migliaia di chilometri, mentre gli animali vivono e crescono fermi sul posto, senza muoversi. Gli ortaggi e la frutta, coltivati in ambienti dove tutte le variabil ambientali sono sotto controllo, non hanno più bisogno di seguire le stagioni. Sono bellissimi da vedere ma hanno perso il sapore, la sostanza e spesso anche il valore nutritivo.
Le regole del mercato impongono superfici di coltivazione sempre maggiori, mentre il numero delle aziende diminuisce. Gli agricoltori che non ce la fanno sono costretti a lasciare il frutto del loro lavoro a marcire sui campi perché spesso i costi di un anno di produzione non vengono coperti dai ricavi della vendita dei prodotti."
 
 
  L'AUTORE  
Davide Ciccarese