Home Page
Casa editrice
Novità
Catalogo
Autori
Collane e Generi
Appuntamenti
Trailer
Foreign Rights
Contatti


newsletter

 



  Vai al sito www.illibraio.it   
  Giardini in tempo di guerra
Teodor Cerić
Traduzione di Francesco Bruno
Mémoir
Pagine:
Prezzo: € 12.00
Di prossima pubblicazione
   
 
 IL LIBRO  
Nel 1992, quando scoppia la guerra in Bosnia, Teodor Cerić, studente di Lettere e poeta, lascia Sarajevo: per sette anni, cerca rifugio sulle strade d’Europa, lavorando dove capita e visitando giardini, spesso sconosciuti, marginali, nati dai sogni e dai desideri più intimi dei loro creatori. Durante questa lunga erranza, elaborerà un pensiero sul giardino fondato su una concezione romantica della natura, pensiero che sorge dalla visita di questi luoghi di cui Cerić coglie la dimensione poetica e esistenziale, e soprattutto la capacità di sfuggire al disastro della Storia, alla perversione della civiltà. Dal giardino-cimitero di Derek Jarman passando per il voluttuoso Monte Caprino nascosto tra i colli di Roma, Cerić è la guida di un’escursione letteraria e bucolica, sognante e metaforica, alla ricerca di un rifugio – il giardino - in cui il mondo diventi finalmente abitabile.  
 
 UN BRANO  
«Non è forse questa la promessa del giardino? Non è questa la speranza più segreta dell'uomo? Tornare alla terra, fare di nuovo corpo con essa, e parlare finalmente la sua lingua... no, essere la sua lingua. Una nota fra le altre in questa musica senza inizio né fine.»  
 
  L'AUTORE  
Teodor Cerić