Home Page
Casa editrice
Novità
Catalogo
Autori
Collane e Generi
Appuntamenti
Trailer
Foreign Rights
Contatti


newsletter

 



  Vai al sito www.illibraio.it   
  LA PAURA DELLE DECISIONI
Come costruire il coraggio di scegliere per sé e per gli altri
Giorgio Nardone
Saggistica
Collana: Saggi di terapia breve
Pagine: 128
Prezzo: € 12.50
In libreria dal: 13 Novembre 2014
Libro  disponibile

   
 
 IL LIBRO  
Decidere è una libertà, ma anche un compito che può diventar difficile, fino a trasformarsi in un peso insostenibile. Più l’umanità si è evoluta, e più complessa è diventata la realtà con cui l’uomo entra in relazione, e di conseguenza più faticoso è diventato districarsi nella giungla delle scelte. La difficoltà aumenta in proporzione al ruolo occupato da chi decide nelle gerarchie della famiglia, della società, dell’economia – dal genitore al manager, dall’insegnante al politico. Gli strumenti a nostra disposizione – corsi e seminari di management e studio dei processi decisionali – si concentrano sull’aspetto razionale trascurando le oscure forze emotive che sono i veri ostacoli del decidere: la paura e le sue manifestazioni disfunzionali, lo stress e il dubbio patologico, l’angoscia e il panico.
Partendo dalla sua pluriennale conoscenza e intervento in diverse realtà formative e cliniche, Giorgio Nardone ci guida alla scoperta della «psicopatologia del decidere»: la paura di sbagliare, di non essere all’altezza o di esporsi non dev’essere negata, ma compresa e gestita con strategie e stratagemmi mirati, in grado di trasformarla da handicap ad arma vincente. Solo così ritroveremo il coraggio e la serenità di affrontare i numerosi bivii del percorso della vita.
 
 
 UN BRANO  
"Esistono ben poche realtà universali come il timore di assumersi la responsabilità di decisioni importanti: la paura di decidere si può osservare a tutte le latitudini e in qualsiasi cultura, società e ceto, tra gli intelligenti e i meno dotati, i ricchi e i poveri e persino tra i potenti. Si tratta infatti di una prerogativa umana che si è sviluppata, come ci indicano gli antropologi, di pari passo con la capacità di pianificare le proprie azioni e gestire l'ambiente circostante: quanto più è andato crescendo il suo potere sulla natura e sugli eventi, tanto più l'uomo si è trovato nelle condizioni di prendere decisioni complesse."  
 
  L'AUTORE  
Giorgio Nardone