Home Page
Casa editrice
Novità
Catalogo
Autori
Collane e Generi
Appuntamenti
Trailer
Foreign Rights
Contatti


newsletter

 



  Vai al sito www.illibraio.it   
  CHI PIANTA ALBERI VIVE DUE VOLTE
Seminarli, farli crescere e vivere insiema a loro
Riccardo Ferrari
Manuali
Collana: manualMente
Pagine: 130
Prezzo: € 10.00
In libreria dal: 27 Febbraio 2014
Libro  disponibile

   
 
 IL LIBRO  
L’albero è il simbolo della vita, una presenza che non solo abbellisce il paesaggio intorno a noi, ma che ha un ruolo fondamentale per la nostra salute: purifica l’aria, funge da barriera acustica e visiva, produce ossigeno, riduce l’anidride carbonica, cattura polveri. Ci fa inoltre risparmiare energia, grazie al suo potere rinfrescante in estate e alla protezione dai freddi venti in inverno, senza contare che i suoi frutti sono fonte di nutrimento e il suo legno materiale con cui riscaldarci.
In questo libro, frutto dell’assidua frequentazione di alberi da parte del suo autore, troverete indicazioni pratiche su come riconoscerli, allevarli e prendervene cura, ne conoscerete la storia, così da poterne apprezzare l’importanza, e soprattutto imparerete piccoli ma significativi gesti per contribuire alla conservazione di un patrimonio universale, che arricchisce il nostro presente e può salvaguardare il nostro futuro.
 
 
 UN BRANO  
"Un proverbio cinese recita: «Per poter essere uomini si devono generare due figli e piantare tre alberi». Ogni volta che pianto un albero mi chiedo se sono un po’ di più uomo o se — almeno — questo gesto mi ha fatto diventare un uomo migliore. Ogni giorno contemplo gli alberi intorno alla mia casa, guardo quelli che ho piantato e accolgo ogni loro piccolo successo con gioia, ogni loro frutto come un dono. Quest’anno ho piantato un albero per la nascita di mio figlio, un tiglio: spesso mi siedo e lo contemplo, immaginando il futuro, quando io e mio figlio staremo insieme sotto la sua grande ombra ed esso svetterà ben oltre la mia casa. A meno che insorga qualche problema inaspettato, vivrà ben più a lungo di me."  
 
  L'AUTORE  
Riccardo Ferrari