Home Page
Casa editrice
Novità
Catalogo
Autori
Collane e Generi
Appuntamenti
Trailer
Foreign Rights
Contatti


newsletter

 



  Vai al sito www.illibraio.it   
  MANIPOLAZIONE? NO, GRAZIE
Manuale espresso per una comunicazione franca e rispettosa
Yves-Alexandre Thalmann
Traduzione di Laura De Tomasi
Saggistica
Collana: Saggi di terapia breve
Pagine: 128
Prezzo: € 10.00
In libreria da 31 January 2013
Libro  disponibile

   
 
 IL LIBRO  
A tutti sarà capitato di avere a che fare con qualcuno che ha cercato di convincerci o manipolarci, in modo più o meno esplicito, più o meno in malafede: il proprio partner, un collega o un nostro superiore, un venditore particolarmente ostinato, un familiare. Ma tra convincere e manipolare c’è una differenza sostanziale: mentre la persuasione fa leva su argomentazioni esplicite e ha come obiettivo un accordo fra le parti in gioco, il manipolatore utilizza tutti gli artifici retorici a sua disposizione per condizionare il nostro comportamento o costringerci a cambiare idea. I casi possibili sono infiniti, ma riconducibili a una serie di categorie ben precise: Yves-Alexandre Thalmann, fisico teorico «convertito» alla psicologia e in particolare agli aspetti relazionali e interpersonali, ripercorre con grande chiarezza e abbondanza di esempi una vera e propria fenomenologia del condizionamento linguistico, suggerendo come sottrarci alle illusioni del manipolatore ma anche come impostare una comunicazione efficace, chiara e trasparente, basata sul rispetto reciproco.
Come sottolinea Giorgio Nardone nel suo contributo introduttivo, l’autore si inserisce nel filone ormai consolidato della pragmatica della comunicazione, eredità sempre più feconda di studiosi come Gregory Bateson e Paul Watzlawick. Poiché di fatto non possiamo evitare del tutto l’influenza degli effetti pragmatici della comunicazione, dobbiamo acquisire le giuste competenze attraverso «un vero e proprio addestramento all’uso della comunicazione nei suoi aspetti verbali, non verbali e paraverbali». Al di qua di ogni connotazione etica, saper comunicare ci rende liberi e responsabili di fronte ai condizionamenti esterni, così come agli autoinganni di cui spesso siamo vittime.
 
 
 UN BRANO  
"Il punto non è battere l’altro in abilità, né di avere la meglio su di lui. Il vero rimedio alla manipolazione è una comunicazione franca e rispettosa, la cui parola d’ordine è «libertà», dove l’altro è considerato come Altro a pieno diritto, dotato di tutte le sue facoltà decisionali; non ottenere da lui nulla che non abbia liberamente accettato di fare, con piena cognizione di causa. Questo è il solo modo per intrattenere relazioni sane, proficue e durature."  
 
  L'AUTORE  
Yves-Alexandre Thalmann