Home Page
Casa editrice
Novità
Catalogo
Autori
Collane e Generi
Appuntamenti
Trailer
Foreign Rights
Contatti


newsletter

 



  Vai al sito www.illibraio.it   
  LA CONFRATERNITA DEI GIARDINIERI
Come un gruppo di uomini uniti dalla passione per le piante rivoluzionò la botanica e i giardini d’Europa
Andrea Wulf
Traduzione di Federica Oddera
Saggistica
Collana: Saggi
Pagine: 432
Prezzo: € 22.50
In libreria dal: 29 Settembre 2011
Libro  disponibile

   
 
 IL LIBRO  
Cosa accomuna un manipolo di mercanti e giardinieri inglesi, un intraprendente agricoltore americano e il botanico svedese più famoso di tutti i tempi? Fairchild, Miller, Bartram, Collinson, Banks, Linneo: sono solo alcuni membri della «confraternita dei giardinieri» che, con ruoli, motivazioni e interessi diversi, nel corso del Settecento animarono una vera e propria «rivoluzione botanica», così profonda e invasiva da aver dato forma non solo ai giardini e ai parchi inglesi così come oggi possiamo ammirarli, ma perfino a un «paesaggio psicologico» di provata «britannicità», un tratto inconfondibile nei costumi e nelle propensioni di un popolo. Sullo sfondo delle grandi esplorazioni di James Cook e degli anni cruciali che portarono alla nascita degli Stati Uniti d’America, il giardino all’inglese non divenne solo il passatempo e l’ossessione per milioni di inglesi – oltre che un lucroso affare per molti di loro – ma simbolo e veicolo stesso dell’Illuminismo, espressione visiva di un paese famoso per essere la «sede della libertà».
In pochi decenni, quei pionieri riuscirono a unire orticoltura pratica, botanica sistematica ed espansione coloniale in un progetto omogeneo, rafforzando il potere imperiale di una nazione sul mondo: questo libro, a metà tra il saggio e il romanzo storico, ripercorre l’avventura di coloro che riuscirono a plasmare con le proprie mani il «capolavoro della natura» e a penetrarne i segreti.
 
 
 I GIUDIZI  
"Andrea Wulf possiede una grande abilità di narratrice e ha trovato nelle origini del giardinaggio lo sfondo perfetto per una bella storia."
The Guardian
"Andrea Wulf unisce l’eleganza nel narrare al sapere erudito, al brio e a uno stile deliziosamente leggero... Un libro incantevole, e non serve essere giardinieri per goderselo."
The New York Times Book Review
"La confraternita dei giardinieri è il miglior libro dell’anno: la botanica, l’impero britannico e la nascita di un’ossessione."
Independent on Sunday
 
 
 UN BRANO  
"Parallelamente all’espansione dell’impero, aumentò il numero di specie in arrivo in Gran Bretagna, offrendo ai giardinieri una scelta sempre più ampia. All’alba del diciannovesimo secolo, anche il più umile dei giardini poteva vantare fiori e cespugli esotici. La floricoltura aveva subito cambiamenti così drastici da proiettare all’avanguardia l’Inghilterra, fino a un centinaio d’anni prima assai provinciale e isolata, trasformandola nel giardino del mondo. Adesso, quando uscivo nel mio fazzoletto di terra, non vi vedevo più un caos di piante non identificabili, ma l’armonioso risultato degli sforzi pionieristici compiuti da un gruppo straordinario di uomini dedicati, che avevano trasformato i propri compatrioti in una nazione di appassionati di giardinaggio.
Questa è la loro storia."
 
 
  L'AUTORE  
Andrea Wulf