Home Page
Casa editrice
Novità
Catalogo
Autori
Collane e Generi
Appuntamenti
Trailer
Foreign Rights
Contatti


newsletter

 



  Vai al sito www.illibraio.it   
  IL COLLARE DELLA TIGRE
Autobiografia psicomagica di uno sciamano occidentale
Cristóbal Jodorowsky
Traduzione di Claudia Marseguerra
Autobiografia
Collana: Mémoir
Pagine: 464
Prezzo: € 20.00
In libreria dal: 23 Ottobre 2008
Libro  disponibile

   
 
 IL LIBRO  
Per vivere pienamente la nostra vita dobbiamo liberarci dell’eredità emotiva che la famiglia esercita su di noi da generazioni. Le sofferenze, le incomprensioni, le questioni irrisolte o taciute da coloro che ci hanno preceduto formano un fardello che grava drammaticamente sulle nostre spalle, impedendoci di trovare noi stessi o addirittura privandoci di un’esistenza normale. Cristóbal Jodorowsky, figlio e primo collaboratore di Alejandro Jodorowsky, ha compreso e sperimentato in prima persona l’entità di questo peso, e gradualmente individuato e sciolto i nodi emotivi che lo facevano soffrire. Questo è il suo primo libro: un’autobiografia in cui racconta la propria storia a partire dalla più tenera infanzia sino alla maturità, un viaggio a ritroso nelle vicende dei suoi famigliari, e un ricco repertorio dei casi in cui, in qualità di psicosciamano, ha usato la psicogenealogia e gli psicorituali come validissimi strumenti terapeutici.
Il collare della tigre è anche una galleria di personaggi – maestri zen, curandere, sciamani, poeti, artisti – e un affresco storico della rivoluzione culturale degli anni Settanta, quella che ha abbattuto il mito dell’autorità, contestato le religioni istituzionalizzate, puntato il dito contro le tradizioni, finendo poi per tornare ad attingere al mito, ai saperi religiosi, alle antiche pratiche rituali per riuscire a «riprendersi la vita».
 
 
 UN BRANO  
"Avevo tredici anni quando mio padre mi propose un koan che per me è stato il più importante di tutti: «In un bosco c’è una tigre feroce con un collare di diamanti. Chi glielo può togliere?»
Per trent’anni ho tentato di risolverlo, azzardando ogni tipo di risposta. Una sera sono andato a casa sua travestito da tigre e ho ruggito. Un’altra volta mi sono spogliato per la strada, e percuotendomi il petto come facevano i monaci dell’antichità ho gridato al cielo: «Non c’è nessuna tigre nel bosco!» Tempo dopo, sono andato a trovarlo e gli ho detto, tutto emozionato: «La tigre si farà togliere il collare solo da chi ama». E scoppiai in una violenta crisi di pianto. Forse erano anche belle risposte, ma non mi hanno mai convinto del tutto. Finché un giorno non ho compreso che quel collare simboleggiava la sofferenza con cui i miei genitori, loro malgrado, mi avevano tenuto prigioniero nei miei primi anni di vita."
 
 
  L'AUTORE  
Cristóbal Jodorowsky