Home Page
Casa editrice
Novità
Catalogo
Autori
Collane e Generi
Appuntamenti
Trailer
Foreign Rights
Contatti


newsletter

 



  Vai al sito www.illibraio.it   
  L'ALTRA GRACE
Margaret Atwood
Traduzione di Margherita Giacobino
Narrativa
Collana: Romanzi
Pagine: 576
Prezzo: € 20.00
In libreria dal: 16 Ottobre 2008
Libro  disponibile

   
 
 IL LIBRO  
Nel 1843 il Canada è sconvolto da un atroce fatto di cronaca nera: l’omicidio del ricco possidente Thomas Kinnear e della sua amante, la governante Nancy Montgomery. Imputata insieme a un altro servo, la sedicenne Grace Marks viene spedita in carcere e, sospettata di insanità mentale, in manicomio. A lungo oggetto dei giudizi contrastanti dell’opinione pubblica – propensa a vedere in lei ora una santa, ora una carnefice – la protagonista di questo avvincente romanzo può finalmente raccontare la propria vita al giovane dottore Simon Jordan. Convinto di mettere le proprie conoscenze al servizio della verità sul caso, e al tempo stesso contribuire al progresso della scienza psicologica, Jordan non potrà fare a meno di restare ammaliato da questa personalità complessa e inafferrabile.
Nelle mani di una sapiente narratrice quale è Margaret Atwood, il dialogo che si instaura tra i due si trasforma nel ritratto psicologico di una persona due volte vittima del sistema sociale – in quanto povera e in quanto donna – e assurge a denuncia delle enormi contraddizioni di una società maschilista e tormentata da conflitti interni perché incapace di accettare l’«altro».
 
 
 I GIUDIZI  
"Un'eccezionale narratrice del nostro tempo."
Sunday Times
"Una storia sensuale, sconcertante, truce e densa di dignità al tempo stesso, ignobile e splendida… Non c’è dubbio, non si può chiedere di più a un romanzo."
Independent on Sunday
"Fantastica... quella della Atwood è una scrittura indagatrice. Tanto profonda da incidersi nella carne."
Literary Review
 
 
 UN BRANO  
"Comunque, assassina è una parola pesante da portarsi dietro. Ha un odore, quella parola, un odore muschiato e opprimente, come di fiori recisi in vaso. Qualche volta, di notte, me lo ripeto a bassa voce: Assassina, assassina. Fruscia, come una gonna di taffetà sul pavimento. Assassino evoca solo violenza. È come un martello, o un pezzo di metallo. Preferisco essere un’assassina che un assassino, se questa è l’unica alternativa."  
 
  L'AUTORE  
Margaret Atwood